giovedì, aprile 24, 2008

Indovinelli in rima... o almeno in assonanza! (di Elisa Benedetti)

Si discuteva un giorno, io e il davide, a proposito di un indovinello scritto in bella calligrafia su uno dei "miiiiillemilioni" (leggi alla Merlino) di post-it appesi nella cucina di casa Scaini&Co.

L'oggetto in questione recita più o meno le seguenti parole:

"Mentre andavo nelle Ardenne,
vidi un uomo e sette donne,
ogni donna sette sacche,
ogni sacca sette gatte,
ogni gatta sette gattini:
in quanti andavano nelle Ardenne
uomini, donne, sacche, gatte, gattini?"

Così, dopo una risposta palesemente sbagliata, capii dove stava il tranello; tuttavia non svelerò la risposta per quelli di voi che volessero cimentarsi nell'impresa edipica.
Ad ogni modo sollevai un'obiezione, e dissi all'illustrissimo enigmista di fronte a me: "La domanda però è mal posta: ok che il narratore vede l'uomo e sette donne, ecc.ecc., ma non si capisce bene dove vada tutta questa gente... Cioè: vanno anche loro nelle Ardenne oppure da qualche altra parte?".
Ma nel mentre che dicevo queste parole sorgeva in me una nuova e prepotente domanda, e così aggiunsi:"... e poi, scusa un attimo: ma perchè proprio le Ardenne? Non c'era un posto migliore?"
Al che, l'altissimo rispose: "Perchè Ardenne fa rima con donne!!!"

...
Ardenne.
Donne.
Stupida me!Nella mia inefficiente memoria Ardenne e donne non facevano per niente rima! Ad ogni modo, riconoscendo la superiorità del mio interlocutore, cedetti, riservandomi di verificare da fonte sicura come stessere davvero le cose.
(cfr. )
Nel frattempo, però, fui sfidata a creare una versione alternativa che seguisse la mia obsoleta concezione di 'rima'...

Perciò, eccoci qua.

Devo ammettere che l'inizio è stato un po' drammatico, perchè volevo trovare qualcosa che avesse un vago senso, ma le uniche misere rime che mi venivano erano del tipo:

"Mentre andavo nelle Ardenne,
vidi un uomo con le antenne..."

oppure un più impegnativo:

"Mentre andavo nelle Ardenne,
vidi un uomo e sei cotenne..."

Evidentemente la faccenda, o meglio... 'la questione' (questa è per d) si faceva complicata...perciò mi rassegnai a rinunciare alle tanto amate Ardenne.
Provai quindi con le Alpi, ma ciò che ne risultò fu piuttosto macabro:

"Mentre andavo sulle Alpi,
vidi un uomo con tre scalpi,
ogni scalpo avea ritocchi
e migliaia di pidocchi..."

Invece pensando all'estate creai qualcosa di inaspettatamente mistico:

"Mentre andavo verso il mare
vidi un uomo con tre bare,
ogni bara quattro morti
che in tre giorni son risorti..."

Ma alla fine, dopo farraginosi (grazie blanco!) e comunque infruttuosi tentativi di andare in giro per il mondo, arrivai alla stesura definitiva, anche se non troppo vicina all'originale:

"Mentre andavo nelle Hawaii
vidi un uomo con dei guai
ogni guaio dieci specchi
che comunque son parecchi!
se ne stava tutto mesto
masticando pasta al pesto;
ai suoi piedi c'era un cane
che mangiava pantegane
una donna il lontananza
si gustava una paranza
ora ecco la domanda
(non è mica propaganda!):
se non l'hai ancora intuito,
dimmi dove son finito!"

Aspetto le soluzioni!!

6 commenti:

Flo ha detto...

1 (io) + 1 (uomo) + 7 (donne) + 7^2 (sacche) + 7^3 (gatte) + 7^4 (gattini) = 2802

o no??

santrevi ha detto...

solo io vado nelle ardenne. quindi la risposta è 1.
certo che il quesito è fuorviante.

Flo ha detto...

Osti... è vero. >__<

Per la serie, il padre di Giovanni ha tre figli: Qui, Quo e ...?

Oppure, un cacciatore vede un albero con 10 uccelli; comincia a sparare, scappano tutti, tranne 3. Quanti ne rimangono?

Ok, la smetto. >.>

davide scaini ha detto...

alle hawaii?
d

elisa ha detto...

ma no,d!!
Leggi tra le righe!!!

Pesto, paranza...
non ti fa venire in mente niente?

davide scaini ha detto...

all'isola di ponza!

comunque si può dare una risposta disambigua alla domanda ambigua del primo indovinello:"almeno uno"
così ci si toglie ogni dubbio!