martedì, novembre 20, 2007

Lunedi' Film

Parte l'iniziativa Lunedi' Film ossia: diteci un film che vi e' talmente piaciuto che sentite la necessita' fisica di farlo vedere ad altri...
Cosi' ce lo vediamo!
Commentate con i titoli che apprezzate di piu'...

Marco

13 commenti:

Marco ha detto...

Uno che mi viene in mente adesso e'
La promessa 2001 di Sean Penn, con Jack Nicholson

davide scaini ha detto...

a me viene solo
Beirut Ovest...
ma non lo troviamo da nessuna parte!
l'ho visto una sola volta, poi l'ho cercato e so che ne vendono il dvd... ma poi più visto.
peccato!
d

(anche "Il grande capo" merita... ma lo abbiamo già visto)

Blanco ha detto...

amici miei I, II, III http://www.imdb.com/title/tt0072637/

anche se a me manca da vedere solo il III, mi rivedo volentieri gli altri

il petomane
http://www.imdb.com/title/tt0138702/

ho visto che non c'è neanche un film italiano! allora io insisto con gli italiani

Caro Diario
http://www.imdb.com/title/tt0109382/
so che marco ora farà la faccia disgustata... ma è un bellissimo film, un po' pesantino forse

Marco ha detto...

NOOOOOOOOO!!!!!
Blanco ci hai preso in pieno!!
Disgusto in toto.. Ma devo dire che non ho mai avuto la forza di vederlo tutto, magari alla fine si rivaluta, ma la mezzora che ho visto io e' un tritamento duro e puro, una polverizzazione di balle..
Cmq se Blanco ci crede, e mi fa da Virgilio nella saga Morettiana spiegandomi le cose che la mia menticina non coglie, posso anche affrontare una seconda visione magari fino alla fine..

Blanco ha detto...

ma piu' che volentieri!

sono dell'idea che un film di Moretti si apprezza quando e' finito, pero devi averlo visto tutto se no non c'e' soddisfazione.

e poi caro diario e' una cosa spettacolare

Marco ha detto...

Lo apprezzi perche' e' finito!

cmq ok lo vedremo

Antonio ha detto...

Giù la testa di Sergio Leone.
Forse,lo segnalo perchè è il suo unico film che non ho visto dalle 5 alle 10 volte.Certamente,è quello più marcatamente ideologico e nonostante ciò non si allontana dai crismi prettamente artistici e poetici di "C'era una volta in America".Le sue uniche colpe sono di essere decisamente anacronistico e di non essere un film di genere come quelli della trilogia del dollaro,forse è per questo che nella TV spazzatura di oggi non lo trasmettono mai...

Michele ha detto...

Dunque, andiamo con ordine:
negli ultimi anni uno dei migliori film usciti è sicuramente Match Point di Woody Allen.
Non si spaventi chi non ama il regista, perchè questo film è assolutamente unico nella sua filmografia: una sola battuta in tutta la pellicola, niente jazz nella colonna sonora a favore di temi d'opera lirica e soprattutto una chiara ispirazione a Dostoevskij. Da vedere assolutamente.
Per restare in tempi recenti segnalo anche Le invasioni barbariche, sul tema dell'eutanasia, tema che tratta con una delicatezza insospettabile.
E poi il divertentissimo Little Miss Sunshine, che però so non essere piaciuto all'amico Velliscig..
Scavando un po' nel passato non posso astenermi dal sottolineare ancora i crismi perfettamente artistici e poetici di C'era una volta in America, il mio film preferito, che merita sicuramente tutto il tempo che gli si deve dedicare.
Mi avvio alla conclusione con Il dottor Stranamore di quel genio che è Kubrik. Una delle migliori interpretazioni del sempre eccezionale Peter Sellers.
Visto che manca ancora un titolo italiano, consiglio Profumo di donna di Dino Risi con Vittorio Gassman (ma anche il remake con Al Pacino non è niente male...)
Scusate il commento decisamente oversize ma quando si parla di cinema parto per la tengente!
Ciao!

davide scaini ha detto...

caspita antonio!
ma scrivi bene!
non l'avrei mai detto...
belli questi commenti, concordo..
woody mi manca del tutto, vorrei vedere manhattan e anche match point.
per quanto riguarda moretti purtroppo ho dei preconcetti, ma ne ho parlato ieri con un coinquilino che mi ha incuriosito sulla saga morettiana, quindi benvenga anche lui.
I collegamenti dle blòanco non li ho visti perchè qui a casa ho una 56k... una lentezza!

benvenuti quindi ragazzi!!!
d

Marco Velliscig ha detto...

Grande Antonino! Benvenuto!
Dopo averci stupito con l'avventura pinguiniana ora vien fuori (io lo sapevo già che ho parlato con lui di cinema varie volte) Che è un cinefilo DOC oltre che un bravo scrittore!!
Magari qualche poesia sul blog la si può pure pubblicare;)

Marco Velliscig ha detto...

Un altro film che vorrei rivedere è American History X del 1998 con Eddy Norton in versione cattiva, rasato a zero e con una svastica sul petto.
Un film duro contro il razzismo e gli estremismi, un film commuovente, quando l'odio genera odio non è importante da che parte stai.
L'unico film che mi ha comosso, alla fine ho versato abbondanti lacrime di rabbia.

Antonio ha detto...

Ringrazio Marco e Davide per le loro parole che,sebbene immeritate,mi hanno fatto molto piacere.Inoltre,capisco perfettamente lo stupore di Davide,dato che una delle cose che più mi diverte è rovesciare il vecchio detto,oggi quanto mai attuale,che esorta a rendere pubbliche le virtù e a lasciare privati i vizi.Invece,come ogni buon contadino,credo che rose belle e profumate possano nascere solo dal letame.Il regista che forse più mi ha impressionato in questo senso è Roberto Benigni,mi riferisco in particolare a due film:"il mostro" ed "il piccolo diavolo".Il primo è un capolavoro di satira,una vera e propria commedia degli equivoci in cui un giovane disoccupato accusato di essere un maniaco,in realtà,si rivela timido ed introverso e soprattutto costituisce l'unica sfumatura veramente vitale nella grottesca morbosità dilagante.Invece,il piccolo diavolo con la spontaneità di un bambino abbatte una ad una ogni inibizione o convenzione propria dei cosiddetti ben pensanti.E la sua curiosità puerile si spinge sino a quella che tra tutte le virtù è la più "indecente".Poche volte ho visto avvicinarsi all'argomento con tale naturalezza e senso poetico.

Marco Velliscig ha detto...

Il commento erea un po off topic in memorie di un bambino soldato, quindi lo metto qui:

A me l'Irlanda piace molto, anche forse per la sua storia travagliata, vorrei quindi consigliare anche se immagino michele li avrà già visti un po di film sull'irlanda e l'IRA.
Michael Collins, sulla prima guerra di indipendenza e sulla successiva proclamazione del parlamento irlandese.
Il vento che accarezza l'erba di Ken Loach, consigliato da davide, sul proseguo del conflitto e sulla prima dichiarazione di indipendenza irlandese(pur rimanendo a far bparte della Gran Bretagna come galles e scozia)
The Boxer con Daniel Day Lewis sull IRA degli attentati più sanguinari..
Nel nome del padre sempre con Daniel Day Lewis, sulle condanne infondate di 5 innocenti supposti terroristi dell IRA che poi si scoprì innocenti, dopo 15 anni di carcere però.
L'ombra del diavolo con Harrison Ford, Brad Pitt, sull'IRA moderna e sul trffico di armi..

Cmq chi volesse scrivere un post, basta che mi mandi una mail e verrà,con nostra somma felicità, pubblicato