venerdì, marzo 27, 2009

Biodiversità: la risacca della selezione naturale

Compleanno.
Dopo due prosecchini scatta il momento "mi sa che mi tocca mingere".
Mi dirigo con incertezza nella direzione opposta a quella in cui mi trovo, sembra la più adeguata a ospitare un cesso... ed effettivamente non sbaglio.
Prima di entrare cerco qualcosa che possa farmi luce, quando sento una voce
"la se impizza sola"
"... ... come ... scusi...?"
"la se impizza sola"
"... ... aaah! Grazie"
d

5 commenti:

Marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco ha detto...

Cioè, fammi capire:

ti sei introdotto in un bagno a luce spenta dove nell'ombra ti attendeva un losco figuro dallo spiccato accento triesticolo?

Com'è finita?

ti sei svegliato tutto bagnato in fondo ad un fosso con un rene meno?

Ciao
Marcogiais

elisa ha detto...

sei il nirvana della sintesi...

mi sono sganasciata!
grande d!

davide scaini ha detto...

se fosse stato nel bagno la luce sarebbe stata impizzata... marco diciamo che l'investigatore non è il tuo mestiere...

era un inserviente del locale, ch eovviamente stava fuori dal cesso... l'accento (credo si capisse) era sul linguaggio non sul fatto...
d

Marco ha detto...

l'accento s'era colto,
a sto punto non so s'è colta la mia di ironia...
Cmq se fosse stato un segnalatore di "autoimpizzatori" nascosto nel buio era ancora più divertente...