domenica, marzo 08, 2009

8 Marcio - Festa della gonna


È un bell'onore davvero, quello delle donne: dista mezzo pollice dall'ano! 
Georg Christoph Lichtenberg

Dio, nella sua previdenza, non ha dato la barba alle donne perché esse non sarebbero state capaci di tacere mentre venivano rasate. 
Alexandre Dumas padre

Noi occidentali non capiamo nulla; abbiamo fatto malissimo ad elevare le donne al nostro livello! I popoli d'Oriente sono stati più intelligenti e giusti dichiarando che esse sono esclusiva proprietà dell'uomo. 
Napoleone Bonaparte

La festa delle donne è una gran cosa.
Ricorda a tutti noi il loro ruolo fondamentale per far andare avanti la nostra società e non ci fa abbassare la guardia sulle discriminazioni e le difficontà che ogni giorno incontrano.
Stasera avrei festeggiato con mia moglie, ma purtroppo, quando sono tornato a casa, non ho trovato la cena pronta e mi sono visto costretto a riempirla di botte.
Ora è indisposta, così mi toccherà andare a troie.

Comunque, auguri a tutte!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Davide,
sono Filippo. Mi dispiace il ritardo, comunque ti rispondo qui.

Innanzitutto il mio discorso non voleva essere partitico (infatti non ho fatto riferimenti al PD o a qualche altra gemma di sx); in ogni caso, visto che ci sono, affronto l'argomento in maniera schietta.

Dal mio punto di vista discutere con persone che la pensano in maniera diversa non fa mai male, se ci si pone nella predisposizione giusta, che significa rispetto dell'altro e voglia di mettersi in gioco. E' chiaro che ognuno può rimanere delle proprie idee e che su certi aspetti non si può transigere, ma se si ascolta una persona intelligente o che ha fatto determinate esperienze di vita c'è comunque da imparare qualcosa, anche se non le si condividono.

Detto questo, perchè il mio non sia solo un esercizio di stile (alquanto banalotto effettivamente), sarò franco:

- le varie sinistre più o meno estreme hanno dimostrato nel recente passato di non saper governare. Sono capaci a dire no, così non va bene, ma quando sono di fronte ai problemi si sono rivelati incapaci di risolverli.
Questo perchè c'è troppa conflittualità, ognuno ha una propria verità da portare avanti e un ego troppo grande per ascoltare gli altri (alcuni casi: Pecoraro Scanio, Ferrero, lo stesso Diliberto). Con tutto questo non si è deciso nulla.

- Il PD è (stato?) un tentativo di superare queste divisioni per cercare di avere un partito che riuscisse a governare. Fino ad ora, lo devo confessare, ha fallito, perchè ha creato grossa aspettative nella gente, senza avere una reale democrazia e un reale cambiamento interno; non ha dato soluzioni, ma ha riproposto la litigiosità di cui sopra e aggiungi tu quello che vuoi.
Inoltre è mancata una figura di riferimento, con idee forti che abbia saputo dare un indirizzo al partito (tipo: puntiamo sull'innovazione, sull'educazione, sul rinnovamente, ecc., ecc.: pochi segnali, ma chiari e definiti).

- La Binetti non mi è simpatica, sinceramente non la vorrei mai nel "mio" partito (qualora ne avessi uno), ma sinceramente non la picchierei. Ignorarla è meglio.

- La Chiesa: non piacciono neanche a me i privilegi, frutto di decenni di regalie e concessioni da parte dello Stato. Ti dirò di più: da cattolico penso che stia abdicando a valori realmente fondanti e fondamentali, quali la vera accoglienza del prossimo (soprattutto del meno fortunato), la solidarietà, la carità, pensando invece a difendere i propri interessi acquisiti e arroccarsi su posizioni fuori dalla storia.
Avere fede e trovare queste contraddizioni, ti assicuro, non è facile (soprattutto se credi a certi insegnamenti).
Detto questo sono anche convinto che non sia la colpa di tutti i mali dell'Italia.

Ci sono altri mali molto grossi, che colpiscono la società italiana in genere: la mancanza di senso civico, lo scaricabarile (è sempre colpa degli altri), la mancanza di un pensiero autonomo, la mancanza di merito, ...

Bon, ora basta. Fine del pistolotto. Vado a nanna.

Buonanotte,

Filippo

davide scaini ha detto...

concordo su tutta la linea, pero' ho un'osservazione.

La prima parte del tuo intervento "Dal mio punto di vista discutere con persone che la pensano in maniera..." e' per me stata la causa del fallimento del pd. Mi spiego: e' inutile che tu discuti con berlusconi se non vai d'accordo con la binetti. Prima di discutere con chi ti e' alieno devi andare d'accordo con quelli che ti sono simili. Prima della discussione (e lotta dialettica) cio dev'essere costruzione. In questo il pd ha mancato il bersaglio e continua a mancarlo. Hanno fatto un partito per essere in tanti, perche' contro berlusconi o si e' in tanti o bisogna essere furbi. Siccome furbi si sono accorti di non esserlo (e non avevano tempo di pensare a una nuova P2) hanno preferito fare una ammucchiata, pur odiandosi tra loro (comprensibile ;-) ).

Per il resto sono molto d'accordo; la risposta sul perche' le sinistre "estreme" non ce l'hanno fatta a governare non ce l'ho... o meglio ho un'idea, ma ci devo ancora pensare... insoma dovrebbe darci un indizio su che sinistra dobbiamo costruire alla luce dei fallimenti di pd, ci, pci, psi, e tutte le altre cazzo di sigle.

Non sono d'accordo che serva una figura forte; questo e' uno sbaglio grosso dei nostri tempi che credo pagheremo seriamente. Bisogna avere idee forti e fortemente condivise, poi chi le porta avati e' di secondaria importanza se lo zoccolo (le cose condivise di cui si parla da tre post) e' saldo.

Binetti: L'ignoranza non fa parte del futuro che vorrei ;-).


"da cattolico penso che stia abdicando a valori realmente fondanti e fondamentali, quali la vera accoglienza del prossimo (soprattutto del meno fortunato), la solidarietà, la carità, pensando invece a difendere i propri interessi acquisiti e arroccarsi su posizioni fuori dalla storia.
Avere fede e trovare queste contraddizioni, ti assicuro, non è facile (soprattutto se credi a certi insegnamenti)."
beh non posso che concordare... solo ti propongo uno spunto: separa fede da morale. La morale cattolica e' una cosa (diciamoc eh puo' essere considerata filosofia), ma una religione e' filosofia+fede. Sul fatto che la morale cristiana (la parte filosofica) sia una cosa buona non c'e' dubbio... e' sul resto che ho qualche problema.

paolo ha detto...

caro anonimo, non c'entro nulla, ma ho perso l'autobus quindi ho tempo da perdere...

- le varie sinistre più o meno estreme hanno dimostrato nel recente passato di non saper governare. Sono capaci a dire no, così non va bene, ma quando sono di fronte ai problemi si sono rivelati incapaci di risolverli.


LUOGO COMUNE dei piu` squallidi. nonostante io sia per i tecnici a dirigere la cosa pubblica non posso tacere davanti ad una testa che se ne va, anche se critica la sinistra. mi spiego, hai i dati? per lo meno il numero di leggi presentate dalla "sinistra che non sa governare" rapportato al numero di leggi totali anno per anno? immagino di no, quindi, cortesemente non parlare di aria fritta. o meglio "togliti dalla bocca le parole degli altri"
il fatto che non hanno un partito unico e` spettacolo, il governo e` altro.


Avere fede e trovare queste contraddizioni, ti assicuro, non è facile

ma si che lo e` manda a cagare il vaticano&co. e comportati come meglio credi, se sei veramente spinto dal messaggio del vangelo. se vuoi fare parte di un gruppo sappi che la camorra conta piu` della chiesa e si fonda su principi piu` antichi (che non equivale a buoni (vale anche per la chiesa))

la binetti la risolvi con la chirugia plastica: la fai strafiga cosi puoi guardarla e non stai piu` a sentire quello che dice...
scusate, ma il post e` 8 marcio, ci voleva.

che altro?
scusa, sono un po stressato e ho bisogno di sfogarmi. fare il parolaio mi e` sembrato il modo meno dannoso di rilassarmi un po.
ciao

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti,
rispondo in breve.
Non sono d'accordo che il PD sia stato pensato come un'ammucchiata: si tratta di un progetto voluto fortemente da persone unite da una certa idea di Politica, molte delle quali non facevano parte di alcun partito. In tanti ci hanno veramente creduto e ci credono ancora, nonostante le delusioni.
Al suo interno ci sono diverse sensibilità e posizioni, il che non significa di per sè che sia negativo: è importante sicuramente che un partito abbia delle linee chiare (o idee forti) su cui non si può transigere, in base alle quali si fa selezione. Questo effettivamente manca ancora o, meglio, forse manca un po' di coraggio. Detto questo, ci sono argomenti trasversali per cui possono coesistere idee diverse anche all'interno dello stesso partito: non è un dramma, anzi, bisogna solo avere rispetto dell'altro e capacità di discernere questi temi. Vi assicuro, non sono parole vuote: in ogni gruppo, associazione ci sono persone che la pensano in maniera diversa su questioni inerenti all'attività della stessa, l'importante è che ci siano obiettivi e ragioni comuni oltre le questioni suddette e che, una volta presa una decisione, la si porti avanti assieme, senza troppe ideologie.
Io sinceramente la penso così.
Non so se il PD è o sarà mai il partito giusto; sinceramente lo spero, ma lo vedremo assieme, penso.

Riguardo all'incapacità di governo della sinistra, adesso parlerò come uno di destra (mi dispiace, ma stavolta devo proprio farlo...).
Che cosa c'entra riferirsi al
"numero di leggi presentate dalla "sinistra che non sa governare" rapportato al numero di leggi totali anno per anno?"
Non è un fatto quantitativo: con Prodi la sinistra ha dimostrato di non saper lavorare assieme ad altri (cosa che in tutti i campi è necessario che avvenga). per ogni proposta c'era un distinguo, una miglioria da apportare, un veto e, alla fine, non si decideva nulla.
Il governo del centro-sx è sempre caduto per questo, è inutile nascondersi dietro a un dito. Con l'ultimo governo Prodi la situazione era evidente e di ciò la gente (il popolo) si è esasperata. Ora c'è un governo che perlomeno decide, sta facendo disastri, ma almeno decide. E la gente, tra uno che decide male e uno che non sa decidere preferisce comunque il primo.
Ti invito a dimostrarmi il contrario.

Riguardo alle frase sulla fede, che ha suscitato molto scalpore:

"ma si che lo e` manda a cagare il vaticano&co. e comportati come meglio credi, se sei veramente spinto dal messaggio del vangelo. se vuoi fare parte di un gruppo sappi che la camorra conta piu` della chiesa e si fonda su principi piu` antichi (che non equivale a buoni (vale anche per la chiesa))"

Ma che ne sai di me, di quello a cui credo e quello a cui non credo? Mandare a cagare il vaticano, sarà anche liberatorio, ma non risolve sicuramente il problema. Inoltre il messaggio del vangelo prevede che ci sia un consesso di persone (la Chiesa, cioè l'assemblea) che condivide certi valori: non puoi vivere DA SOLO il messaggio evangelico, è troppo facile, oltre che vuoto.
Avere dubbi non significa essere proni alle idee del vaticano, eppoi esistono anche all'interno della tanto vituperata Chiesa molte posizioni differenti. La questione è molto più complessa di quello che mi stai chiedendo di fare.
Per mandare a cagare le persone, le associazioni c'è tempo e lo fanno in molti. Non è neanche "da alternativi".

Saluti,
Filippo

PS: al dilà di tutto, devo dire che è molto stimolante questo blog!

davide scaini ha detto...

non posso che non essere d'accordo ;-)

il pd ha fatto prima ammucchiata "oddio oddio ci sono le elezioni perderemo anche 'sta volta se asini ulivi margherite non fanno un mazzo di salumi ed erbe assieme" e poi han detto "cazzo che bella idea che abbiamo avuto: riunire le entita' 'riformiste' (vabbe') del Paese per una grande (vabbe') sinistra (oddio sinistra... abbiamo detto sinistra)"

diciamo che non mi sembra il modo migliore per far partire un graaaande progetto.

"non puoi vivere DA SOLO il messaggio evangelico, è troppo facile, oltre che vuoto."
vabbe' di religione e' meglio che io non parli in questo momento, prometto un post chiarificatore in un prossimo futuro.

Ci sono molte riflessioni che il tuo commento mi ha suscitato, ma mi pare che vedi le cose un po' troppo rosee... "vabbe' nel pd abbiamo idee diverse e' tutto bellissimo; nella chiesa c'e' il missionario che si fa il culo nella savana e il prete pervertito che del culo fa altro uso... ed e' tutto bellissimo..." non ti sembra che questo tuo modo di vedere le cose sia un po' troppo relativista?
d


(prometto un post sui mali del relativismo etico)

hronir ha detto...

Filippo, prova a non prendere i suggerimenti di Paolo troppo alla lettera e prova a interpretarne il senso: mandare a cagare il vaticano non significa arrivare necessariamente allo sbattezzo, però — diavolo! — non si può sempre limitarsi a ricordare che nella chiesa ci sono anche preti buoni. I preti "influenti" sappiamo quali sono e si potrebbe cominciare a pretendere che "quelli buoni" comincino a mandare qualche segnale alle alte gerarchie, no? "mandare a cagare il vaticano" potrebbe anche significare lamentarsi col proprio parroco, pretendere dei segnali e delle (sue) prese di posizione "ufficiali" verso i ranghi superiori, far capire che non è così che andrebbe interpretato il vangelo, insomma: c'avete una vostra testa, o no?
Potete anche tirar fuori ogni volta il voto dell'obbedienza, ma allora dovete anche sorbirvi il peso dei macigni che questo papa vi sta caricando addosso ogni giorno.

Marco ha detto...

che bella discussione,
non centra una mazza con l'8 Marcio, ma mi diverte.

Il PD- io lo vedo come un partito su scala berlusconiana

Han tentato di proporre un leader convincente (che non convince nemmeno se stesso, pacatamente) quando in realtà, come diceva il Dav, non serve un gerarca...
basterebbero delle idee decenti.

Hanno adottato una politica volta a rubare voti allo schieramento opposto, quando sarebbe stato più importante cercare di convincere i tuoi a votare per te prima.
(non è che perchè quelli che votano per la destra vogliono i rom, neri, ebrei, immigrati, i triestini ecc ecc fuori dai coglioni, che il tuo programma si deve allineare...vedi bologna, firenze...
si può anche proporre una linea diversa)
non dicono più nulla di sx.

Si sono alleati con i cattolici. Grosso errore. Daccordo che i voti della Chiesa fan comodo a tutti (Il portatore nano di democrazia ne è l'esempio principe), ma non si può buttare tutto nel pentolone e sperare che ne esca fuori una minestra perfetta. Bersani e la binetti....comunisti e clerici...
mollare la sx in favore dei preti secondo me è stata una immensa cazzata, e ha portato come risultato l'assenza della sx dalla politica italiana.
La mia unica soddifazione sta nel fatto che almeno sono felicemente non rappresententato a Roma.

La Chiesa-
Quello che non capisco sinceramente, caro Filo, è dove tu riesci a vedere delle posizioni differenti all'interno della Chiesa. Nulla si disconsta dal messaggio di Benny, magari qualche raro pretino non è proprio daccordissimo, ma essendo senza palle nella predica della domenica abozza.

Non vedo delle diverse correnti di pensiero all'interno della Chiesa, nessuno che si scosti dalla parola sempre più ridondante del pope.

Non ho sentito un prete che mi dicesse che la procreazione medicalmente assistita potrebbe essere utile, o che la ricerca sulle staminali potrebbe salvare delle vite umane...nessuno.
(news di questi giorni: in Spagna è nato un bambino da un embrione sano selezionato di due genitori portatori di beta talassemia per curare il fratello malato, risultato,
reimpianto di cellule=2 fratellini sani) ma la Chiesa non approva.

In Africa muoiono di AIDS, il pope oggi ha detto che l'AIDS non si supera con i preservativi (confermando una linea ben marcata, unica maniera è non trombare...grazie al cazzo!)
nessuna smentita da vescovi o che... non ho mai sentito nessun prete dire "usate quei cazzo di preservativi".

In Brasile Bambina di 9 anni violentata dal patrigno resta in cinta, e dei medici la fanno abortire. Questi medici vengono scomunicati dalla Chiesa. Non ho sentito di vescovi che fossero contrari alla decisione. potevano scomunicare il padre invece dei medici, ma dopo avrebbero dovuto somunicare per coerenza i preti pedofili infrattati nelle cantine vaticane...

Nella Chiesa sono tutti proni alle idee del vaticano, non so come tu faccia a credere che esistano anche all'interno della tanto vituperata Chiesa molte posizioni differenti.
io credo che la Chiesa non cambierà mai, quelle sono le direttive, le linee guida, e non troverai un nessun cazzuto prete che ti sputtana il papa per una delle sue ennesime cazzate.
Se non la pensi come loro, lascia stare.

Ciao a tutti
Marcogiais

Marco ha detto...

è NATURALMENTE ovvio non c'è correlazione tra il nostro amico filippo e il papa: le idee del papa non vengono certo imputate a filippo!
che il papa è un pirla è evidente, e io quando parlo di ste cose mi faccio prendere un pò la mano, ma di sicuro non ce l'avevo con nessuno,tranne che con il vaticano.
uno stato è più che sufficiente no?
;-)